Calendario Incontri 2018

 

Simmetria inizia il suo programma 2018 in gennaio con una Manifestazione straordinaria patrocinata dal Comune di Roma assessorato alla crescita culturale, dalla Soprintendenza Capitolina ai Beni Culturali, dalla Biblioteca Angelica, del Ministero dei Beni delle attività Culturali e del Turismo come da Locandina allegata su:

 

L’OPERA GEOMETRICA DI ADRIANO GRAZIOTTI

1053c Graziotti Locandina

Martedì 23 gennaio alle ore 18,15 inaugurazione del Convegno-Mostra presso la Biblioteca Angelica in piazza S. Agostino 8 (piazza Navona).

La Mostra proseguirà dal 23 gennaio fino al 10 febbraio e si avvarrà della collaborazione di Francesca Barbi Marinetti, Biagio di Carlo, Claudio Lanzi, Silvio Maracchia, Federico Mollicone, Fiammetta Terlizzi.

Dedicheremo il pomeriggio di Martedì 23 gennaio alla illustrazione dell’opera di questo poco conosciuto Genio italiano e alla esposizione di un centinaio dei meravigliosi poliedri costruiti dallo stesso Graziotti e da lui donati al Comune di Roma. Tutte le strutture resteranno esposte fino al 10 febbraio.

Tale mostra darà la possibilità a studenti, professori e a tutti i cultori della scienza arcaica, di ammirare e comprendere i molteplici significati dell’opera di questo Genio italiano che, erede della tradizione che va da Platone a Euclide, ad Aristotele, a Proclo, a Giamblico, a Piero della Francesca da Marsilio Ficinio, a tutti gli architetti del medioevo e del rinascimento e a tutti gli studiosi di Pitagora, ha anticipato per alcuni versi o si è affiancata a quella di Bukminster Fuller e di Escher, anche se non ha avuto in Italia gli stessi riconoscimenti.

In biblioteca saranno disponibili tutti i testi contenenti i principali disegni di Graziotti (dai quadrati magici alle cupole geodetiche), spiegati nella loro ragione geometrica e simbolica, oltre ad alcuni opuscoli realizzati in tiratura limitata proprio per questa manifestazione.

La partecipazione al convegno è gratuita: per visitare la mostra durante gli altri giorni rivolgersi alla Biblioteca.

 


 

CORSO DI INTRODUZIONE ALLE TECNICHE DI MEDITAZIONE OCCIDENTALI

Il corso si terrà presso la sede di Simmetria dalle ore 16 alle ore 22, in Via Grazioli Lante 13 a partire da sabato 10 Febbraio, per proseguire il 24 Febbraio, il 10 Marzo, il 24 Marzo ed il 22 Aprile

con Claudio Lanzi

1053 Meditazione

Sarà un corso full immersion, composto di 5 seminari teorico-pratici della durata di 6 ore ciascuno, con prenotazione obbligatoria e obbligo di frequenza (scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). Tali seminari introdurranno progressivamente, secondo un preciso iter operativo, ai preliminari delle principali metodiche di rilassamento, concentrazione, meditazione, orazione e contemplazione, presenti (secondo diverse modalità e scuole) nel nostro Occidente. Le tecniche di cui si parlerà in questo corso sono nate e si sono sviluppate nell’àmbito degli ordini monastici, delle confraternite iniziatiche, delle scuole d’arti e mestieri, degli ordini cavallereschi che hanno reso straordinaria la spiritualità del nostro emisfero. Purtroppo, tale spiritualità è stata ormai mercificata, inquinata, contrabbandata, stravolta e ridicolizzata dalle aggressioni superficiali, qualunquiste, tuttologiche e spesso orientaleggianti che da oltre un secolo la mortificano. Ma qualcosa è rimasto e, in tale corso, si cercherà di mostrare, senza alcuna pretesa di soluzioni contrappositive od esclusive, una delle possibilità rimaste per cercare, con mente, corpo e spirito Occidentale, questo Qualcosa.

Costo della prima lezione introduttiva: 20 euro, costo del corso completo 150 euro (comprensivo della tessera di iscrizione).


  

ALCHIMIA, CRISTIANESIMO, QABBALAH - ARS TRANSMUTATORIA

Sabato 31 marzo ore 16 (presso la sede di Simmetria in Via Grazioli Lante 13) con Paolo Galiano, Claudio Lanzi, Paolo Lazzaro, Massimo Marra, 

1053 Alchimia

L’uomo è un microcosmo che rispecchia il Macrocosmo, ma deve imparare a conoscere questa verità secondo le leggi di Ermete a partire da “Ciò che è in alto…”.  La Via per addentrarsi nella foresta dell’ermetismo segue numerose e differenti direzioni ma tutte con un unico punto di arrivo, che simbolicamente è descritta come la vetta di un monte o l’altra riva del mare Oceano o l’ascensione di una scala che conduce al Cielo più alto.

L’Alchimia (che in Occidente è prevalentemente cattolica) si volge verso l’indagine e il contatto con le forze supere ed infere delle tre componenti dell’essere umano per mezzo dell’analogia con l’azione della Natura ancilla Domini in tutti e tre i mondi, privilegiando il mondo minerale nel quale sono presenti, come potenzialità latenti, la capacità germinativa del mondo vegetale e il potere intellettivo del mondo animale (intus-legere). Tali forze vengono operativamente attivate attraverso la trasmutazione dei metalli fino alla nascita di un Uomo nuovo nel quale i tre elementi, spirituale animico e corporeo, sono fusi in un unico “corpo di gloria”.

Analoga operazione si ha nel cristianesimo su di un piano apparentemente exoterico e religioso, ad esempio nel rito centrale della Messa, in cui avviene realmente la trasformazione delle specie corporee del pane e del vino nel Corpo e nel Sangue del Cristo, con cui il fedele si identifica non solo attraverso un percorso fideistico e passivo ma conoscitivo ed attivo, divenendo uno con Lui.  

Il percorso delle Sephirot segue una simile ascensione trasmutativa che dal mondo corporeo di Malkut, il Regno, attraverso i due triangoli contrapposti (la stessa geometria con cui in Alchimia sono simboleggiati i Quattro Elementi) giunge al supremo trascendimento nella perfezione di Keter, la Corona.

Nella Qabbala ebraico-cristiana come nella Geometria sacra d’ascendenza pitagorica la ricerca delle proporzioni numeriche e dei rapporti magici fra funzioni matematiche (come nei quadrati magici) cerca la conciliazione fra commensurabile e incommensurabile, attraverso una trasmutazione fra razionale e irrazionale. Analogamente possiamo dire che il percorso misterico attraverso le interpenetrazioni fra i poliedri platonico-archimedei indica una via altrettanto affascinante, ed assolutamente astratta, che passa attraverso le trasformazioni degli elementi rappresentanti i metalli stessi dell’Alchimia.

Per partecipare al convegno, per chi non fosse già iscritto a Simmetria per il 2018, è necessaria una tessera giornaliera di iscrizione (20 euro)


 

RELIGIONE E RELIGIONI: L’ESSENZA E IL MISTERO 

Sabato 14 Aprile ore 16 (presso la sede di Simmetria in Via Grazioli Lante 13) con Francesca Antonacci, Antonio Bonifacio,  Paolo Galiano, Vittoria Luisa Guidetti, Claudio Lanzi, Massimiliano Alessandro Polichetti.

1053 Religione

Parlare di unità trascendente delle religioni nel nostro tempo è argomento arduo perché occorre tracciare una precisa linea di demarcazione per escludere senza esitazioni tutto ciò che cerca di amalgamare i Misteri, la sapienza del Buddhismo e così via sulla base di un eclettismo che unisca tutti i fedeli di qualsiasi forma di exoterismo e i ricercatori di una conoscenza esoterica in un unico minestrone, con intento a volte “buonistico” in vista di una “pace dei popoli” che viene posta quale fine del radioso e inarrestabile “progresso dell’uomo”.

Ogni religione, così come ogni via sapienziale, ha una sua particolare e specifica modalità d’essere che non ne consente la mescolanza in una qualche sorta di “neo-religionismo”: il cristiano d’Europa non mescola la sua ritualità con elementi propri al musulmano dei paesi arabi o all’ebreo di Israele; non si può (e soprattutto non si deve) recitare il Pater Noster come un seguace di Maometto e, viceversa, i nomi sacri di Allah non possono confondersi con il rosario cristiano, così come non ha senso per l’ebreo prendere parte all’Eucarestia.

Le religioni hanno un solo punto di convergenza ed è la vetta della montagna del Sacro. Chi è in grado, nella sua interiorità, di riconoscere esperienzialmente Dio, ineffabile e incommensurabile, raggiunge tale vetta dove quel Dio che prima ha chiamato con nomi diversi smette di far parte del definibile e determinato.

Riconoscere i punti di contatto tra le religioni è certamente di grande importanza perché consente un’apertura della mente razionale ed una predisposizione dello spirito atte a penetrare nel mistero della sapientia antiquorum o della philosophia perennis, come la si voglia chiamare con nomi umani. Ma questo va fatto nel rispetto della propria religione, senza aberranti contaminazioni durante il lungo percorso richiesto per giungere alla vetta. E dall’altro canto bisogna scrollarsi di dosso il precetto, tutto umano e arrogante, e la presunzione di essere depositari dell’unica, incontrovertibile verità con tanto di copyright.

A iniziare dai resti di quella che possiamo chiamare “religione paleolitica”, lo sciamanesimo, passando per gli Dèi di Roma e giungendo ad alcune forme di preghiera particolari delle religioni rivelate, quali la “preghiera del cuore” del mondo cristiano, l’esichia per quello greco ortodosso e il dhikr sufico per quello islamico, è possibile intuire ciò che, non potendo confinarsi in una sfera meramente intellettuale, si debba intendere come religio una.

Per partecipare al convegno, per chi non fosse già iscritto a Simmetria per il 2018, è necessaria una tessera giornaliera di iscrizione (20 euro)


 

1062 Dickinson1

EMILY DICKINSON il fuoco bianco.  Venerdì 27 Aprile 2018 c/o il salotto Lanzi a Via Muggia 10 - ore 19.00
 
Un evento speciale, originale e riservato, per ragioni di posti, a pochi partecipanti (si prega di prenotare)
 
Letture, ambiente e musiche relative alla vita di una donna straordinaria, fuori dei canoni e della misurabilità borghese o rivoluzionaria, molto al di là dell’idea di trasgressione.
 
La Dickinson: donna assolutamente affascinante nel suo isolamento, nella sua misteriosa scelta di solitudine che divenne la sua vera compagna di vita. Gli abissi dell’anima e dell’amore in cui vola la Dickinson posseggono una sensualità talmente profonda e raffinata da risultare intoccabili. Una laica clausura in comunione col cielo. E di questo cercheremo di parlare nel nostro incontro, assaggiando i suoi dolci, ascoltando le sue musiche e le sue letture, guardando i suoi fruscianti, sobri ed eleganti abiti dell'epoca.
 
Quota di partecipazione € 15.00 inclusa di libro, dolci e gadgets - Prenotazione obbligatoria  
 

ARTE, MUSICA DANZA E TRADIZIONE

Sabato 12 Maggio ore 16-20 (presso la sede di Simmetria in Via Grazioli Lante 13) Con: Pierluigi Gallo,  Antonello Colimberti, Claudio Lanzi, Assunta Fanuli, Maria Luisa Sales, 

1053 Arte

La sapienza ha come suo strumento l’armonia che realizza nel mondo la sostanziale unità del creato nelle sue creature e con il suo Creatore. Il ritmo, sia esso suono, parola o gesto, è l’elemento che accomuna ogni manifestazione in sé perfettamente realizzata; attraverso il ritmo l’essere umano ritrova la Parola primordiale e il Suono creatore da cui tutto ha avuto origine.

In tale contesto, la geometria, che sia tecnica per la misurazione della terra o, come nella danza, studio della gestualità del corpo umano nello spazio, non è semplice disciplina scientifica ma corrispondenza con gli archetipi celesti di cui è immagine ed omologia. E così il suono dello strumento musicale trova il suo principio nel suono celeste degli astri che si muovono in alto e nelle gerarchie angeliche che si manifestano in gradi discendenti ed ascendenti attraverso di essi. Le arti visive dell’uomo, intese nel loro significato originario di “ciò che segue l’ordine” dalla radice indoeuropea *rta, sono figura terrena delle immagini archetipiche e attraverso i loro armonici rapporti, che siano espressi nell’architettura, nella scultura o nella pittura, nel canto o nella danza, consentono di risalire per gradi all’Ordine iniziale. Nella danza troviamo l’unione tra ordine e gestualità, l’ordine espresso con il gesto che va al di là della mera bellezza percepita da chi guarda e ritualizza il primo Movimento da cui tutto ha avuto inizio.

Durante tale convegno ci saranno due interventi didattici di danza, rivolti rispettivamente alla sacra geometria della danza indiana e a quella occidentale, storica e di corte.

Per partecipare al convegno, per chi non fosse già iscritto a Simmetria per il 2018, è necessaria una tessera giornaliera di iscrizione (20 euro)